SPARATORIA DAVANTI A PALAZZO CHIGI

di Redazione Cadoinpiedi.it - 28 Aprile 2013

Feriti due carabinieri. Non sono in pericolo di vita. Fermato Luigi Preiti, 49 anni calabrese. Parla il fratello: "Luigi non ha nessun problema, aveva perso il lavoro"

SPARATORIA DAVANTI A PALAZZO CHIGI
Redazione Cadoinpiedi.it Parla Arcangelo, fratello dell'uomo che ha sparato e ferito due carabinieri: "Problemi psichici? No, no... Da 49 anni a questa parte no. Era tornato in Calabria a vivere con i miei genitori".

''Fino a ieri mattina mio fratello era una persona lucida e intraprendente. Lui viveva a Predosa, poco lontano da me. Ha perso il lavoro e si è separato dalla moglie, è padre... Problemi psichici? No, no... Da 49 anni a questa parte no...'', dice Arcangelo Preiti. ''Dopo aver perso il lavoro è tornato in Calabria a vivere con i miei genitori, non lo vedo e non lo sento da agosto''. (ADNKRONOS)

I FATTI - Durante la cerimonia di giuramento del governo Letta, un uomo ha sparato davanti a Palazzo Chigi - sede della presidenza del Consiglio - colpendo due carabinieri. Ad aprire il fuoco un uomo in giacca e cravatta che all'improvviso ha sparato. I due carabinieri avrebbero risposto al fuoco.

L'uomo all'improvviso, ha aperto il fuoco contro i militari. Si chiama Luigi Preiti, è nato nel 1964 in Calabria, dove è tornato a vivere dopo aver trascorso molti anni ad Alessandria, dove è stato sposato ed ha un figlio di dieci anni.

Preiti - che non ha precedenti penali ed ha agito da solo - ha sparato diversi colpi di pistola e ha poi tentato di fuggire, ma è stato ferito durante una colluttazione con le forze dell'ordine e arrestato. Preiti, però, non è uno squilibrato nonostante nei primi minuti sopo la sparatoria si era diffusa la voce che avesse problemi mentali. 'Non ha mai sofferto di patologia psichiatriche - assicura il fratello Arcangelo - Siamo allibiti, non sappiamo spiegarci quel che è potuto accadere".

Dopo essersi trasferito in Piemonte negli anni novanta, Luigi Preiti si è sposato e la coppia ha avuto un figlio. Due anni e mezzo fa Preiti si è separato dalla moglie ed ha scelto di tornare a vivere a Rosarno, con i genitori; la moglie ed il figlio sono rimasti in Piemonte e vivono a Predosa.

Secondo prime informazioni, i due carabinieri - un brigadiere e un appuntato - non sarebbero in pericolo di vita. E' confermato che uno dei due militari è ferito ad una gamba, mentre l'altro sarebbe stato colpito di striscio al collo.

I volti dei nuovi ministri sono passati dalla gioia, all'incredulità poi allo sgomento appena appresa la notizia della sparatoria davanti a Palazzo Chigi durante la loro cerimonia del giuramento al Quirinale. (ANSA)

sparatoria-attentatore.jpg

FOTO - L'arresto.

A quanto apprende l'Adnkronos da fonti qualificate, dalle prime verifiche effettuate sembra che Luigi Preiti, autore della sparatoria davanti palazzo Chigi, non avesse alcuna licenza per il porto d'armi. (Sin/Opr/Adnkronos)

''Per favore, allentatemi le manette, non sento il braccio'': cosi, secondo quanto riferito all'ANSA da forze dell'ordine presenti sul posto, Luigi Preite si e' rivolto alle forze dell'ordine che lo hanno bloccato. ''E' apparso freddo e lucido'', riferisce un addetto alla sicurezza che ha partecipato all'arresto. (ANSA)