Marco Travaglio: il #M5S non può appoggiare Bersani

L'editoriale di oggi e un'analisi attenta e lucida della realtà

Send to Kindle
marcotravaglio.JPG Le parole del giornalista riportate da Andrea Scanzi su Facebook:

"Ieri Bersani era chiamato al massimo sforzo per rendere almeno possibile la mission impossibile di un governo Pd-M5S. E in un certo senso il suo massimo l'ha dato con gli 8 punti del "nuovo" programma. Purtroppo il suo massimo è molto meno del minimo che potrebbe consentire ai neoeletti del M5S di giustificare davanti ai loro elettori l'eventuale appoggio a un governo.

Intendiamoci: fra gli 8 punti ci sono anche cose buone. Che però -- a parte la legge elettorale alla francese -- sono pure le più vaghe o diluite in tempi lunghi [...] Non una parola sui cavalli di battaglia del M5S che l'han portato al successo in tutt'Italia e addirittura al trionfo in Val Susa, a Siena, a Taranto e così via: via i fondi pubblici a partiti e giornali; via le leggi 30 e Fornero; via dal Parlamento tutti i condannati, anche sotto i 2 anni; no alle grandi opere inutili, dal Tav Torino-Lione al Terzo Valico, e agli F-35; via i sussidi a banche e imprese private (Mps, Fs, Autostrade ecc.); basta con i Riva che violano la legge all'Ilva; inversione di rotta sui rifiuti, per ridurre progressivamente i materiali inceneriti; antitrust per tv e pubblicità; ritiro delle truppe dall'Afghanistan; tetto alle pensioni d'oro.

Totalmente ignorata anche la campagna online di MicroMega, che ha raccolto 130 mila firme in cinque giorni, per dichiarare subito ineleggibile B. ai sensi della legge 361/1957 sui concessionari dello Stato. Anzi il modello da seguire per i conflitti d'interessi è la legge-brodino approvata in commissione "alla Camera nella XV legislatura" (2006-2008). Una barzelletta. Il testo, scritto da Franceschini, Bassanini e Violante ("Si tratta di perfezionare la legge Frattini") e nobilitato dalle firme di Elia e Onida, riguarda solo i conflitti dei membri del governo, non dei parlamentari; e soprattutto non prevede alcuna ineleggibilità, ma solo il passaggio delle azioni delle imprese del titolare del conflitto a un blind trust, un fondo cieco. Ma così si può risolvere il conflitto d'interessi "attivo": quello di chi, al governo, potrebbe legiferare a vantaggio delle proprie aziende. Non certo quello "passivo": di chi, al governo, viene favorito dalle proprie aziende -- tipo tv e giornali -- nel mantenere o nell'acquisire consenso presso l'opinione pubblica.

Insomma, se B. rimane un semplice parlamentare, anche se diventa capogruppo del Pdl o presidente del Senato, non gli succede niente; casomai tornasse al governo, le sue azioni di Mediaset, Mondadori ecc. finirebbero nel fondo cieco, ma i suoi giornalisti continuerebbero a vederci benissimo (e comunque, a quel punto, potrebbe abrogare la legge). Sarà un caso, ma il primo a escogitare il blind trust (Montanelli lo chiamava "blind truff") per risolvere il conflitto d'interessi di B. era stato, nel 1994, lo stesso B. Insomma, i 5Stelle un governo Bersani non possono appoggiarlo. Ma Berlusconi sì."



Entra nel Vortice dell'Attrazione
di Esther Hicks,Jerry Hicks
Dai veri Maestri della Legge dell'Attrazione, meditazioni guidate per entrare nel Vortice della Creazione per realizzare sogni e desideri.


align