Artico: livello dei ghiacci al di sotto dei minimi storici - foto

Uno speciale del Guardian mostra lo stato dei ghiacci nell'Artico: la riduzione progressiva sta creando dei incredibili buchi qua e là nello strato bianco.

Send to Kindle
Uno speciale del Guardian mostra lo stato dei ghiacci nell'Artico:  la riduzione progressiva sta creando dei incredibili buchi qua e là nello strato bianco.
Quando è iniziato il monitoraggio del livello dei ghiacci nell'artico era il1968: in quel periodo i satelliti hanno iniziato a monitorare dallo spazio lo stato delle calotte ghiacciate della Terra. A quei tempi il ghiaccio sulla superficie terrestre ammontava ad otto milioni di chilometri quadrati. Con il passare degli anni questo strato si è via via assottigliato fino a quando, nel 2007, è stato stabilito un nuovo record negativo relativo alla presenza di ghiaccio sul Pianeta. Ormai la bandiera bianca che venne issata all'epoca ha smesso di sventolare, anzi, sembra che non vi sia più neanche il vento per farla garrire per ricordare il pericolo a cui la Terra sta andando incontro.

Il livello del ghiaccio si è ridotto una volta di più. Alla fine dell'ultima glaciazione, con l'aumento della temperatura, il Pianeta ha iniziato a popolarsi di vita grazie al tepore garantito dalla superficie. Secondo gli scienziati esperti del settore, però, grazie al riscaldamento dovuto all'emissione di gas inquinanti si è riusciti in soli 200 anni a replicare quella che è stata un'intera era geologica, con il risultato che anche il Pianeta è rimasto vittima di tale improvvisa accelerazione. A dimostrarlo la riduzione eccessiva dello strato di ghiaccio, prova fondamentale del fatto che qualcosa non va.

Due le tipologie di problemi da affrontare: l'aumento del livello del mare e il cambiamento climatico, con un maggiore calore e una maggiore umidità, con la conseguente modifica sostanziale di quella che è la fauna e la flora di interi continenti come l'Europa. Il tutto con conseguenze tragiche anche per la specie umana. Eppure l'uomo sembra non aver ancora imparato. Anzi. Secondo la logica di profitto, il ritiro dei ghiacci ha consentito l'esplorazione di zone finora ritenute vergini, zone che possono custodire giacimenti di petrolio, di gas naturale, di materie prime, continuando nel circolo vizioso che ha portato all'aumento della temperatura sulla Terra.

Purtroppo non è possibile dire che cosa riserverà il futuro. Intanto sappiamo che la quantità presente oggi di acqua "solida" presente sulla Terra ha superato al ribasso il record negativo del 2007. Purtroppo per gli scienziati questa caduta potrebbe non concludersi qui, nel senso che in futuro potremmo rischiare di vedere il limite ancora più ridotto. Anche perché niente è più verificabile, dato che in occasione del 2012 non è stata rispettata alcuna stima.

ghiaccio-artico-1.jpeg

ghisccio-artico-2.jpeg

ghiaccio-artico-3.jpeg

ghiaccio-artico-4.jpeg Fonte: The Guardian



Leggi anche:

Incredibile: mai visto nulla di simile in Artide - video

Groenlandia, l'inondazione vista dal satellite della Nasa - foto

In Svezia il primo bar di ghiaccio permanente - video





align