Neil Iron, lo chef che serve ecstasy nel cioccolato

Dichiarato colpevole, è riuscito ad evitare il carcere

Send to Kindle
Dichiarato colpevole, è riuscito ad evitare il carcere
Il famoso chef Neil Iron, che una volta servì il tè del pomeriggio alla regina Elisabetta, ha evitato, per il momento, di finire in carcere nonostante l'accusa: aver messo dell'ecstasy in alcuni dolci serviti ad una festa, tartufi al cioccolato per la precisione.

Neil Iron, 32 anni, ha preparato le prelibatezze ad una festa di compleanno presso il pub Red Lion ad Hoxton, nord di Londra. Uno degli invitati, Charlie Webster, aveva subito gravi conseguenze per la droga ingerita.

Una giuria di cinque uomini e sette donne ha dichiarato lo chef colpevole di aver somministrato intenzionalmente droga ai commensali. Iron è stato però scagionato da un'accusa identica nei confronti di due bambini, ricoverati dopo aver mangiato un budino al cioccolato preparato dallo chef al pub.

La condanna dello chef a 9 mesi di carcere è stata sospesa per 18 mesi, così ha deciso il giudice Neil Sanders. La carriera dello chef, perlomeno, si ferma qui.

  Fonte: Daily Mail





align